Aprire cassaforte con batteria scarica - Tabbid Blog

Oggi ti parleremo di come aprire cassaforte con batteria scarica. Può capitare che le batterie di una cassaforte elettronica si scarichino. In questo caso, la preoccupazione più diffusa è di non essere in grado di aprire nuovamente la cassaforte una volta terminate le batterie.

 



In via generale, va detto che ogni aspetto legato al funzionamento di una cassaforte dipende dalla qualità del prodotto. Le casseforti di elevata qualità dispongono di meccanismi di allerta che avvisano dell’avvicinarsi dell’esaurimento delle batterie, in modo che l’utente possa sostituirle prima che risultino completamente scariche.

I vantaggi legati all’acquisto di una cassaforte di qualità sono molteplici. Una delle differenze sostanziali tra una cassaforte elettronica di qualità ed una meno affidabile riguarda il consumo delle batterie: le casseforti ben progettate consumano la carica in modo progressivo e costante, al fine di evitare l’esaurimento improvviso ed inaspettato delle batterie.

 

Può tuttavia accadere che le batterie di una cassaforte si esauriscano prima che l’utente abbia avuto la possibilità di sostituirle, specialmente nei casi in cui la cassaforte viene utilizzata sporadicamente.

In questa situazione, l’utente ha diverse possibilità per aprire nuovamente la cassaforte, che chiaramente variano a seconda della tipologia e delle caratteristiche del dispositivo. Si raccomanda pertanto di consultare sempre il libretto delle istruzioni del modello specifico per aprire cassaforte con batteria scarica.

 

Aprire cassaforte con batteria scarica: casseforti con contatti esterni

 

Alcuni modelli di casseforti sono progettate con appositi meccanismi per l’apertura di emergenza del dispositivo. Uno di questi è costituito dai contatti esterni della cassaforte, detti anche tamponi, che vengono posizionati sulla tastiera. Appoggiando una semplice batteria da 9V sui tamponi, sarà possibile alimentare il dispositivo per digitare nuovamente il codice di apertura della cassaforte.

Per mostrare la procedura appena descritta con maggiore chiarezza, vogliamo rendere pubblico il video realizzato da Mottura, uno dei marchi leader nella produzione di casseforti, che ha messo a disposizione un tutorial, presente nel canale you tube del sito ilferramenta.com e pubblicato nell’apposita pagina del sito dedicata alle casseforti Mottura

 

Casseforti con chiavi di emergenza

 

Esistono poi casseforti dotate di chiavi di emergenza che ne consentono l’apertura anche a batterie esaurite. L’unico inconveniente di questa soluzione riguarda la custodia e la gestione della chiave.

 

 

È fondamentale riporre la chiave di emergenza al sicuro poiché, qualora fosse facilmente individuabile, i ladri potrebbero appropriarsene per aprire la cassaforte. Non è semplice trovare un luogo che sia veramente sicuro per la custodia dei propri valori, altrimenti non sarebbe necessario dotarsi di una cassaforte. In questo caso, il consiglio è di riporre la chiave in un luogo diverso da quello in cui è nascosta la cassaforte, ad esempio presso la dimora di un vicino di casa affidabile, o di un parente che abiti nelle vicinanze.

 

Cassaforte con alimentazione esterna

 

Casseforti con cavo di alimentazione esterno

 

Vi sono poi dei modelli di casseforti elettroniche che dispongono di un cavo di alimentazione esterno che permette di collegare il dispositivo di sicurezza ad una fonte di alimentazione esterna. Una volta collegata alla presa elettrica, sarà possibile inserire nuovamente il codice per aprire la cassaforte. Alcuni modelli garantiscono un minimo di 50 aperture dopo la comparsa del segnale lampeggiante BATTERY che indica l’approssimarsi dell’esaurimento delle batterie.

 

Conclusioni

 

Per concludere, ti vogliamo ricordare che l’esaurimento delle batterie di una cassaforte non deve essere motivo di allarme se questa è ben progettata. Una cassaforte ben realizzata sarà sempre dotata di un sistema che consenta all’utente di sostituire le batterie prima che queste si esauriscano definitivamente. In quest’ottica, si può facilmente comprendere l’importanza di orientarsi sempre sull’acquisto di casseforti di qualità.

Se questa guida su come aprire cassaforte con batteria scarica ha risolto il tuo problema allora condividila con i tasti Social che trovi qui sotto. Per noi sarebbe motivo di grande soddisfazione.

Se invece hai bisogno di qualcuno che ti aiuti di persona ad aprire la tua cassaforte con batteria scarica prova a inserire la richiesta su Tabbid – Il Social Network dei Lavoretti

 

Lavori da fare in casa

Cerchi qualcuno che ti aiuti?