Ciao,

sono una persona che nella vita ha avuto il dispiacere di avere a che fare con relazioni tanto tossiche quanto distruttive.
Ho personalmente toccato il fondo finendo in terapia e dovendo ricostruire praticamente da solo ogni parte di me stesso.

Perché le relazioni tossiche fanno questo, ti distruggono del tutto e ti lasciano con mille domande.
Spesso resti addirittura senza parole, come ha potuto quella persona che diceva di amarti farti un male così letale? 

Si chiama cattiveria, bisogna accettare che le persone a volte lo sono.

A volte però c’è tanto altro dietro, ci sono storie e persone che noi vorremmo aiutare e che pensiamo di potere cambiare.
Ti ritrovi in queste parole? Stai facendo di tutto per aiutare la persona che ami e questo ti sta facendo soffrire come mai prima? Forse stai avendo a che fare con una persona che soffre di disturbo della personalità.

Io stesso sono stato in terapia, sono un narcisista di tipo covert diagnosticato.
So di cosa si parla, riesco a capire facilmente cosa pensano e cosa vogliono perché i meccanismi tossici purtroppo li noto subito. 
Quello che vuoi è davvero stare con una persona malata? Perché queste sono patologie serie che richiedono professionisti. Accetti questo impegno? Prima di rispondere, rifletti sul fatto che molto probabilmente tu vuoi cambiare la persona che hai accanto e questo mi dispiace ma non avverrà mai. Una persona con un disturbo della personalità tossica deve curarsi e quindi accettarsi. Tu puoi fare un lavoro personale e cambiare te, non gli altri. Nessuno può cambiare gli altri. Puoi cambiare il tuo approccio e i tuoi pensieri verso la persona che ti sta facendo soffrire arrivando così a valutare quanto meriti questa persona da te.

Io posso darti una mano in questo. Avrai notato che so bene di cosa parlo, di relazioni ne ho avute e il tossico spesso ero io. Sono in cura da ormai dieci anni e ho capito bene cosa vuol dire una relazione sana.

Che sia un narcisista che ti ignora, non ti rispetta, in grado di farti sentire tutto e poi subito dopo niente o una persona borderline instabile, depressa e poi aggressiva, infinitamente dolce e poi maligna… raccontami la tua storia.

Offro un servizio email, perché scrivere aiuta ad ascoltare i nostri pensieri.
Scrivi, rileggiti e renditi conto di tutto quello che tiri fuori.

Riceverai una risposta quanto prima.
Non sono uno psicologo e non voglio esserlo. Sono l’amico che ne ha passate tante, l’amico che ti ascolta e ti aiuta ad avere la mente concentrata su quello che conta e non su quello che in quel momento di dolore e confusione vedi.

Non propongo terapie, corsi o cose a lungo termine.
Tu scrivi e ti sfoghi, io dico la mia proponendoti punti di vista da chi ci è passato in quelle relazioni difficili.

Ricorda che se hai a che fare con persone patologicamente malate, come narcisisti e borderline, non conta chi è più forte nella relazione o chi ama di più. Conta chi si cura.

Perché se stai male a causa di un’altra persona, in cura non ci deve andare lei ma tu che stai male. Lascia l’altra persona crogiolarsi nel suo disturbo, pensa a te.

Scrivimi!