Con tutta probabilità la ristrutturazione della camera da letto è quella che viene per ultima nella lista delle priorità. Il motivo è semplice e ce ne accorgiamo quando entriamo nelle case dei nostri amici o parenti, praticamente non ci viene mai mostrata. Si tratta di un luogo intimo, appartato, che viene frequentato e visto solo da chi lo utilizza.

Dobbiamo rivedere questo concetto poiché ci sono molti buoni motivi per ristrutturare la stanza matrimoniale, uno di questi ha a che fare con il valore immobiliare e tra poco ti dirò quale.

 

Rinfrescare la camera matrimoniale ogni dieci anni

 

Perché ogni dieci anni dovremmo mettere mano alla stanza da letto? Il motivo in questo caso è semplice. Ti sei mai chiesto quanto dura un materasso? C’è chi lo usa per decenni, sempre lo stesso, ma non è un grande affare, soprattutto se si vuole rimanere in forma e dormire nel modo corretto. Cambiare i materassi è un cosa molto importante e ci deve dare lo spunto per rinfrescare tutto l’ambiente.

I progetti di ristrutturazione della camera da letto possono essere di diversa importanza. Nel tempo le priorità della famiglia cambiano e si può pensare di rendere uno spazio utilizzato solo per il riposo, maggiormente gradevole e utile.

Aggiungere un angolo funzionale può modificare di molto il senso stesso di questa parte di casa. L’angolo ufficio, la cabina armadio, la walk in closet e il bagno di pertinenza sono gli elementi strutturali più ricercati, senza dimenticare il bisogno di cambiare il design.

 

Inserire un angolo ufficio nella stanza matrimoniale

 

Il mondo è cambiato, alla sera diviene sempre meno consueto riunirsi per guardare la Tv tutti insieme, l’era dei social network e la TV digitale, che si può fruire anche da un tablet, hanno separato i componenti della famiglia.

C’è che vede la propria serie TV, chi gioca ai videogame online, chi chatta e forse è rimasto solo il papà a vedere la partita di calcio. Ecco come fruire del proprio svago multimediale abbia svuotato d’importanza il salotto, a favore della propria cameretta o stanza da letto.

Aggiungere un angolo per dedicarsi alla lettura oppure al Pc nella stanza matrimoniale diviene un’esigenza.

Per nostra fortuna non c’è bisogno di stravolgere l’ambiente, in alcuni casi basterà una piccola scrivania ed una poltrona, in altri, se i metri quadrati a disposizione lo permettono, si potrà adibire un vero e proprio studio.

Da cosa partire? La prima necessità è quella di individuare con precisione il luogo di destinazione. Teniamo conto che se si dispone di una TV in camera, probabilmente, per le ragioni di cui sopra, bisognerà levarsela a favore di un monitor Pc.

Come detto è sufficiente poco spazio, la cosa più importante, e di cui si tiene poco conto, è l’illuminazione. Trattandosi di un utilizzo serale non occorrerà tener conto dell’orientamento rispetto alla finestra, ma solo di un punto luce molto specifico. Si può trattare una lampada elegante e che emana luce soffusa, oppure di un faretto a luce puntuale intensa.

 

Inserire una cabina armadio nella stanza matrimoniale

 

Non c’è che dire, una cabina armadio ha una grande utilità, specie al mattino. Avere a disposizione una propria boutique è un miglioramento della vita quotidiana. Infondo non serve un gran lavoro per realizzarla.

Si può pensare di sostituire gli armadi, oppure di creare, metri quadrati permettendo, una zona da dedicare in esclusiva.

Un metodo molto intelligente è quello di costruire una piccola parete dietro al letto matrimoniale. Questa divisione è perfetta per non disturbare eventualmente il partner al mattino. Alle spalle della testata si crea un minimo di spazio ideale per avere la propria zona di comfort per scegliere l’abbigliamento da indossare al mattino.

 

Inserire una walk in closet nella stanza matrimoniale

 

Diversa dalla cabina armadio è la walk in closet, che si differenzia da essa per la capacità di vestirsi all’interno. A tutti gli effetti parliamo di una stanza ad U con una porta scorrevole grande. Devi sapere che una walk in closet ha importanza anche ai fini del valore immobiliare.

E’ considerata una soluzione che aggiunge pregio alla casa e la fa salire di importanza. Detto questo ci pare evidente che in questo caso servano metri quadrati, sebbene lo spazio non è uguale alla camera da letto stessa.

L’unico avvertimento, che vale anche per la cabina armadio, è quello di valutare la località ove si trova l’appartamento. In zone umide è facile che, in un luogo senza aerazione per mancanza di finestre di prossimità, si crei muffa. Purtroppo la pratica di coprire i muri col legno non fa che aumentare questa problematica.

L’illuminazione a faretto è la migliore per usufruire di intensità necessaria per specchiarsi. Nel centro della walk in closet è utile inserire una piccola isola per il trucco.

 

Inserire un bagno nella stanza matrimoniale

 

Spesso e volentieri, quando si viaggia si trovano nei residence da 4 stelle in su, soluzioni di camere da letto con bagno di pertinenza, in aggiunta a quello padronale.

Un’idea che è sicuramente utile anche per ristrutturare la stanza da letto della nostra casa, da realizzare con intelligenza e buon gusto.

Il costo di realizzazione non è basso, si tratta di mettere mano all’impianto idraulico e ciò può comportare opere di muratura impegnative.

Chiaramente ci devono essere i metri quadrati a disposizione, oltre che delle finestre quanto mai utili per l’aerazione.

La soluzione con doccia è la preferita, un angolo confortevole e poco impegnativo.

 

Ristrutturare la camera da letto per il design ed il comfort

 

Il piacere di rivedere il design della camera da letto è una buona spinta per attuare un progetto di ristrutturazione. I modi sono i più svariati, partendo dal pavimento, il legno trasmette senz’altro benessere e calore. Il colore delle pareti restituisce tranquillità e da il senso dello spazio.

Il mobilio si presta ad interpretare la propria idea di design, a partire dal letto matrimoniale che di recente ha subito delle innovazioni molto interessanti e che hanno aggiunto più possibilità di riposare in modo più adeguato.

L’arte ha fatto il suo ingresso nella parete principale, la dove un tempo c’erano le foto dei familiare o il segno della propria fede. Tutto ciò ha determinato un’apertura verso l’interpretazione di stili di arredo moderni, minimalisti, oppure pop.

Un angolo della casa che aveva il suo unico scopo nella ricerca di intimità, ora aggiunge i caratteri della personalità e diviene un avamposto di benessere più che di raccoglimento.