Le pulizie di casa, soprattutto quando si hanno impegni lavorativi o familiari, tendono sempre ad essere rimandate, ma prima o poi arriva il momento in cui ci si deve rassegnare: pulire la casa è importante, non solo per motivi di igiene, ma anche perché vivere in mezzo alla sporcizia non fa bene alla salute.

SCOPRI IL VAPORIZZATORE DISINFETTANTE >>>>>CLICCA QUI

Solo per fare un esempio la polvere, in apparenza così innocua, può scatenare non solo reazioni allergiche, ma secondo le ultime scoperte può creare anche squilibri ormonali e aumentare il rischio di contrarre alcuni tipi di cancro.

Anche la scelta dei prodotti per pulire la casa non dev’essere trascurata: alcune liscive fabbricate su scala industriale, pur eliminando le macchie in meno di due secondi, sono molto pericolose per l’ambiente e, nei soggetti più sensibili, possono irritare la pelle e causare lesioni.

Non per nulla negli ultimi anni l’uso dei detersivi ecologici, in particolare dei detersivi alla spina che si possono reperire nei negozi biologici, è cresciuto notevolmente, soppiantando quello dei prodotti chimici.

Questa rivoluzione green, invisibile agli occhi dei meno attenti, si è notata soprattutto nella scelta del detersivo per pavimenti, uno dei prodotti per la casa più diffusi nelle abitazioni.

Sempre più persone, quando non optano per soluzioni ecologiche, cercano sul web ricette per creare detersivi fai da te con il sapone di Marsiglia, il bicarbonato, l’aceto e gli oli essenziali.

I detersivi ricavati da queste sostanze, oltre ad essere naturali, garantiscono infatti una pulizia ottimale e sono anche molto più economici.

Un’altra parte invece, messi da parte i detersivi chimici, ha cominciato a sfogliare i libri della sposa, noti anche con il nome poetico di libri d’oro, delle nonne per trovare suggerimenti utili su come pulire casa senza inquinare.

SCOPRI IL VAPORIZZATORE DISINFETTANTE >>>>>CLICCA QUI

Pochi lo sanno, ma negli anni Sessanta e Settanta per alcune donne era ancora importante che le figlie diventassero delle casalinghe provette, quindi non deve sorprendere se, una delle prime cose che le mamme imparavano da piccole, erano le pulizie di casa.

L’uso dell’aceto per pulire era una delle prime nozioni che apprendevano, e non era un caso: oltre ad essere innocuo per la salute umana e rispettoso dell’ambiente, l’aceto è dotato di numerose proprietà, quindi può essere considerato il re dei prodotti per le pulizie della casa.

Per esempio, può essere utilizzato per lavare i pavimenti, per disinfettare i sanitari del bagno, per pulire gli specchi e i vetri delle finestre senza lasciare aloni antiestetici nonché per eliminare gli odori sgradevoli.

L’aceto però non è sufficiente, perché per avere una casa pulita e perfetta, serve anche organizzazione.

La maggior parte delle persone si riducono all’ultimo momento e a stabilire un giorno dedicato solo ed esclusivamente alle pulizie, ma facendo così, non solo si stressano, ma pur di arrivare a pulire tutta la casa a fondo trascurano dei dettagli importanti.

Ecco qualche consiglio su come organizzare le pulizie di casa senza farsi venire il mal di testa e  come pulire casa alla perfezione in modo semplice, veloce e razionale.

SCOPRI IL VAPORIZZATORE DISINFETTANTE >>>>>CLICCA QUI

Come pulire la cucina

 

Per pulire bene il forno esistono tre rimedi naturali molto efficaci e che farebbero impallidire anche il prodotto industriale più corrosivo: il bicarbonato e sale, il limone e l’aceto.

Se il forno non è troppo sporco, è possibile sciogliere il bicarbonato e il sale in una ciotola di acqua calda, poi utilizzare questa miscela per togliere i residui alimentari e risciacquare in seguito con acqua calda e usando uno straccio pulito.

Se è parecchio incrostato, si può tagliare a metà un limone, poi strofinarlo direttamente sulle pareti interne del forno.

Oppure, in alternativa, si può far bollire dell’acqua con un bicchiere di aceto, poi mettere il pentolino nel forno a 200 gradi, lasciarlo lì per quindici minuti, dopodiché tirarlo fuori, lasciar raffreddare la miscela e utilizzarla poi per proseguire la pulizia. Nessuna macchia riuscirà a sfuggire, nemmeno la più ostinata.

Il limone può essere utilizzato anche per pulire la parte esterna della cappa, mentre per la parte interna occorrerà seguire le indicazioni del fornitore, perché i suoi componenti, essendo molto delicati, sono intolleranti alla maggior parte dei prodotti di pulizia, compresi quelli casalinghi.

SCOPRI IL VAPORIZZATORE DISINFETTANTE >>>>>CLICCA QUI

Tuttavia, se i filtri sono in metallo, possono essere lavati tranquillamente a mano con un sapone delicato, altrimenti se ne dovrà prevedere la sostituzione ad intervalli di tempo annuali.

Per quanto riguarda invece la pulizia dei fornelli del piano di cottura, per evitare graffi e farli risplendere, è sufficiente pulirli con una miscela di acqua calda e aceto.

Le griglie possono essere lasciate a mollo in una soluzione di acqua calda e bicarbonato, sennò si possono strofinare anche con una spugnetta imbevuta con una soluzione di acqua calda e succo di limone.

 

Come pulire il bagno

 

Il box doccia, come anche la vasca, può essere pulito utilizzando una miscela di acqua calda, aceto, limone e bicarbonato, che oltre a rimuovere i residui di sapone, combatte il calcare.

Se però ciò non dovesse essere sufficiente, si può usare anche una miscela di alcol, aceto e acqua calda, che oltre ad eliminare ogni traccia di sapone, assicurerà una doccia o una vasca da bagno nuova come appena uscita dal negozio!

Lo stesso rimedio può essere utilizzato per pulire le fughe delle piastrelle e il wc, mentre per i rubinetti del bagno suggeriamo l’uso dell’aceto puro.

Per sbiancare il wc, ogni quindici giorni, si può preparare una pasta con borace e succo di limone, poi applicarla sulla parte interna con i guanti e lasciarla agire per alcune ore.

Trascorso il tempo di attesa, non si dovrà far altro che tirare lo sciacquone per avere un wc perfettamente igienizzato.

 

SCOPRI IL VAPORIZZATORE DISINFETTANTE >>>>>CLICCA QUI

 

Come pulire i tappeti

 

I tappeti persiani contribuiscono a rendere la casa accogliente, ma quando arriva il momento di pulirli, ci si fa spesso questa domanda: come pulire i tappeti persiani senza correre il rischio di rovinarli con prodotti aggressivi?

Uno dei metodi migliori per pulire i tappeti persiani è quello di passare sopra l’aspirapolvere, poi di sfregarli con un panno imbevuto di acqua calda e aceto

Fatto questo, i tappeti non dovranno essere esposti al sole, ma fatti asciugare in lavanderia o in un ambiente scuro, altrimenti la luce li rovinerà.

 

Come pulire le finestre

 

Per ottenere una pulizia dei vetri profonda, basta mescolare un litro di aceto bianco con 100 grammi di bicarbonato, poi versare la miscela in uno spruzzino, agitarlo e spruzzarla sulle finestre.

Il liquido dovrà essere rimosso con l’aiuto di fogli di carta da giornale, che dovranno essere cambiati spesso.

La pulizia delle persiane invece potrà essere fatta in due modi: o con il vaporetto, che rappresenta il metodo più razionale, oppure rimuovendo dapprima la polvere dalle tapparelle, poi lavarle con una soluzione di acqua calda e aceto.

 

Come pulire i pavimenti

 

Il pavimento in parquet dev’essere pulito dapprima con l’aspirapolvere, poi lavato con acqua calda e un sapone neutro.

Inoltre, almeno una volta all’anno, è consigliabile passare una mano di cera d’api per ravvivare il colore del legno e mantenere in buona salute il parquet.

Il pavimento in cotto invece, diversamente dal parquet, lo si può lavare con acqua calda e aceto, ma alla fine dovrà essere asciugato con un panno in micro-fibra, perché essendo molto poroso, tende ad assorbire di più i liquidi.

 

SCOPRI IL VAPORIZZATORE DISINFETTANTE >>>>>CLICCA QUI